Eventi

Pubblicato il 03 Maggio 2017

La misericordia e i briganti (di Montecasale), a Città di Castello una giornata per grandi e piccini

Il 3 maggio un laboratorio per bambini al pomeriggio e incontro culturale alla sera, per parlare della misericordia secondo san Francesco insieme alle Edizioni Messaggero Padova

Seguici su

Dall’aneddoto dell’incontro tra san Francesco e i briganti di Montecasale la misericordia spiegata a grandi e piccini: mercoledì 3 maggio a Città di Castello sarà una giornata all’insegna di questo tema. Alle 17.00, nella Cantina del Seminario (via Pomerio San Girolamo 2), partendo dalla lettura animata del libro Merenda con briganti, della casa editrice francescana Edizioni Messaggero Padova (Emp), si terrà un laboratorio di illustrazione e manualità per bambini con Valentina Salmaso, illustratrice di Emp e del mensile «Messaggero dei Ragazzi», e Chiara Mario, curatrice per il MeRa della rubrica “Artifaccio”. Scarica la locandina dell'incontro.

Alla sera, alle 21.00, al Salone Santo Stefano del Palazzo vescovile (Piazza Gabriotti), l’appuntamento “Wanted, i briganti di Montecasale e la Misericordia” sarà dedicato invece agli adulti. L’autore del libro Wanted (ed. Emp), fra Fabio Scarsato, direttore responsabile del mensile «Messaggero di sant’Antonio», dialogherà con don Andrea Czortek, direttore della Biblioteca diocesana Storti-Guerri di Città di Castello. Sacrica la locandina dell'evento.

Il libro di Scarsato racconta, iniziando dal buon ladrone crocifisso insieme a Gesù, storie e aneddoti di ladri, briganti, malfattori di vario genere, divenuti poi grandi amici di Dio e testimoni del suo amore. Perché la Misericordia è davvero tale quando riesce a trasformare in santo il peggiore dei briganti mostrando così che per ognuno di noi c'è sempre speranza! Il titolo del volume già di per sé ne racchiude il senso: Wanted, ricercato, come gli avvisi con le taglie dei banditi nei film western. Ma in questo caso la taglia è una nuova vita, la redenzione. «Il lettore di questo libro potrà apprezzare le storie di conversione dei briganti – si legge nell’introduzione scritta dai detenuti del carcere di Padova -.

E scoprire la potenza che a tutt’oggi conserva l’intuizione di Francesco di sporcarsi le mani, perche solo cercare i briganti tra i boschi per sedersi intorno ad un tavolo (il rimando è all’aneddoto dell’incontro tra san Francesco e i briganti di Montecasale narrato nello Speculum Perfectionis, ndr) gli ha permesso di stabilire un dialogo. C’è sempre bisogno di un atto di generosità nell’instaurare una relazione diversa dalle logiche di dominio che producono ingiustizie».

Gli incontri, a ingresso libero, sono organizzati in collaborazione con la Biblioteca diocesana Storti-Guerri di Città di Castello. Per il laboratorio di manualità è preferibile la prenotazione entro il 2 maggio a emp@santantonio.org.